LA PREMIATA DITTA GHIRLANDAIO E CO.

Questa tavola raffigurante la Madonna con il Bambino tra Sant’ Apollonia e San Sebastiano, si trova al Filadelfia, Museum of Art. E’ la tipica Sacra Conversazione con tutti i caratteri della pittura di Domenico Ghirlandaio. In realtà sono molti i musei nei quali si trovano tavole con caratteristiche simili a questa. Domenico Ghirlandaio non può averle dipinte tutte lui, gli … Continua a leggere

GIOVANNI MAZZUOLI, INTELLETTUALE DILETTANTE

Il quadro che propongo nella foto è un ritratto di Cosimo di Giovanni dei Medici ancora giovinetto, colui che diverrà in seguito Duca e poi Granduca di Toscana. E’ un ritratto di buona qualità. Non c’è da meravigliarsene: l’autore è Ridolfo del Ghirlandaio, che di certo aveva ereditato dal padre Domenico un particolare talento nella difficile arte del ritratto. Ma … Continua a leggere

MICHELANGELO BUONARROTI IL GIOVANE

L’11 DI GENNAIO DEL 1646 MORIVA A FIRENZE MICHELANGELO BUONARROTI. Non sto ovviamente parlando del grande artista, ma di un suo pronipote, colui che gli storici chiamano convenzionalmente Michelangelo Buonarroti il Giovane. E’ noto che la proverbiale tirchieria di Michelangelo e la sua avidità non erano dettate da egoismi di tipo mondano. Michelangelo visse una vita da miserabile pur guadagnando cifre … Continua a leggere

JACOPO D’ARCAGNOLO, DETTO IL SELLAJO

L’autore di entrambi i quadretti è un artista contemporaneo di Botticelli. Anzi, entrambi avevano iniziato a conoscersi fin da ragazzi, a bottega da Fra’ Filippo Lippi. Poi ebbero due diverse carriere: sensazionale fu la carriera di Botticelli che divenne, grazie anche alle sue frequentazioni in casa Medici, uno degli artisti di punta della Firenze di età laurenziana. La carriera di … Continua a leggere

ANDREA DELLA ROBBIA

Andrea della Robbia è indubbiamente uno dei protagonisti di spicco della produzione artistica fiorentina tra il XVI secolo. Rimasto orfano in giovane età, Andrea venne adottato dallo zio Luca e presto avviato alla conoscenza dell’arte della maiolica congiuntamente allo studio dell’arte classica, dimostrando ben presto doti non comuni di plasticatore e aiutando lo zio in molte imprese importanti. Parlando di … Continua a leggere

CRISTOFANO ALLORI

CRISTOFANO ALLORI (Firenze, 17 ottobre 1577 – Firenze, 1 aprile 1621) I suoi lavori passano spesso inosservati al grande pubblico, eppure… Eppure Cristofano Allori, figlio del pittore Alessandro Allori, fu un pittore che godette, durante la sua non lunga esistenza terrena, di gran credito e prestigio presso la corte granducale di Cosimo II dei Medici. “Cristofano Allori è stato un … Continua a leggere

IN MEMORIA DI FRA’ EUSTACHIO

IN MEMORIA DI FRA’ EUSTACHIO   Il 25 di settembre del 1555 moriva a Firenze Fra’ Eustachio. Sono probabilmente pochi coloro che conoscono quest’artista. Sì, perché Fra’ Eustachio non era soltanto un uomo profondamente religioso, ma era anche un eccellente miniaturista, anzi, talmente stimato da ricevere commissioni non soltanto dal convento domenicano di San Marco presso il quale viveva, ma … Continua a leggere

UN TABERNACOLO QUASI IGNOTO CI RACCONTA UNA STORIA

“Madonna con il bambino – Affresco – Ignoto senese del XIV secolo” Questa breve descrizione si trova sotto un tabernacolo affrescato posto in Via del Sole. L’attribuzione, pur a un generico maestro, é assolutamente ineccepibile: quell’affresco con la Madonna, purtroppo in non perfetto stato di conservazione, ma comunque leggibile, é indubbiamente di un pittore gotico, del XIV secolo, probabilmente della … Continua a leggere

A PROPOSITO DI ARTISTI MINORI: FRANCESCO DI SIMONE FERRUCCI

      Molto spesso davanti a un’opera d’arte la guida turistica v’informerà dell’autore di quell’opera: “Questi affreschi furono eseguiti da Ghirlandaio che dette inizio ai lavori nel 1483…” oppure “Verrocchio eseguì questo monumento funebre per il cardinale…” Dimenticando però, magari per pigrizia, che in moltissimi casi non erano Verrocchio e Ghirlandaio gli esecutori materiali di quegli affreschi, oppure v’intervennero … Continua a leggere

ALLA SCOPERTA DI JACOPO DEL SELLAJO – UN “MINORE” DEL XV SECOLO

Ho sempre avuto un debole per questo artista, spesso etichettato come “minore”. Di certo non è da considerarsi tra i grandi del Rinascimento fiorentino, ma la sua pittura non è tuttavia priva di una certa originalità. Per questo motivo preferisco collocare Jacopo del Sellajo in una categoria intermedia, quella che il Vasari soleva definire dei “ragionevoli maestri”, di quegli artisti … Continua a leggere