IN MEMORIA DI FRA’ EUSTACHIO

fra'Eustachio

IN MEMORIA DI FRA’ EUSTACHIO
 
Il 25 di settembre del 1555 moriva a Firenze Fra’ Eustachio. Sono probabilmente pochi coloro che conoscono quest’artista. Sì, perché Fra’ Eustachio non era soltanto un uomo profondamente religioso, ma era anche un eccellente miniaturista, anzi, talmente stimato da ricevere commissioni non soltanto dal convento domenicano di San Marco presso il quale viveva, ma anche per l’Opera della Cattedrale Fiorentina, per la quale eseguì alcuni antifonari tuttora esposti nel Museo.
fra'Eustacch. fra'Eustache
Nelle foto 2 e 3 vi propongo due bellissimi dettagli di un antifonario eseguito nel 1517.
Fra’ Eustachio val la pena di essere ricordato anche per un altro motivo: quando Vasari dette alle stampe la prima edizione delle sue “Vite”, il frate domenicano dette il suo contributo fornendo al biografo aretino parecchie informazioni riguardo ad alcuni artisti di quel convento. Essendo infatti nato nel 1477, Fra’ Eustachio ne’ aveva visti di eventi… Da giovane aveva sentito parlare del Beato Angelico, poi aveva assistito alle prediche infuocate del Savonarola e nel 1498 era stato testimone di quella vera e propria invasione armata che aveva portato all’arresto di Fra’ Girolamo Savonarola e dei sui due confratelli Maruffi e Buonvicini. Ma la testimonianza dell’anziano frate miniatore fu soprattutto preziosa per Vasari per poter ricostruire la vita di Fra’ Bartolomeo e di Fra’ Paolino, oltre alle notizie su altri pittori che frequentarono la cosiddetta “Scuola di San Marco”. Le notizie che Vasari ci fornisce a proposito di Fra’ Bartolomeo sono infatti estremamente precise e circoscritte, comprese quelle della sua prima infanzia e della sua prima formazione, notizie che Vasari, proprio sulla scorta della testimonianza di Fra’Eustachio colloca nell’ambito di Cosimo Rosselli.
A 475 anni dalla sua morte, voglio pertanto celebrare quest’artista e questa memoria storica del convento domenicano di San Marco a Firenze.
IN MEMORIA DI FRA’ EUSTACHIOultima modifica: 2020-09-25T04:00:08+02:00da raffaello115
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento